news & eventi

Cena degli Auguri 2019-Trapani

Si è svolta lo scorso 7 dicembre presso il ristorante” l’Approdi di Angelino”, ad Erice ,  la raccolta fondi organizzata dall’ A.tu.ba. per i progetti umanitari in Congo. La Cena degli auguri è stata l’occasione propizia per rendicontare ai convenuti il lavoro svolto quest’ultimo anno a Makumbi, dopo li tragici eventi che due anni fa avevano sconvolto il Congo ed il nostro sito. Nella speranza  che anche l’anno a venire sarà favorevole e generoso, auguriamo un sereno natale ed un anno pieno di Gioia e Prosperità.

[supsystic-gallery id=7]

UN PENSIERO PER NATALE 

Ci siamo quasi!  Anche quest’ anno abbiamo provveduto a realizzare manufatti e cadeaux per poter regalare un natale sereno anche ai bambini meno fortunati che l’Associazione sostiene a Makumbi. Sarà semplice: basterà  tramite un  contributo portarsi  a casa ciò che piace….ma avremo anche il miele, il riso e i famigerati panettoni Fiasconaro. soprattutto doneremo anche a voi un caldo abbraccio, un dolcetto e tanti sorrisi.Dove? presso la sede operativa in Via P.pe di Napoli 1, Casa Santa Erice. Vi Aspettiamo!

invito regali natale

Makumbi-Aggiornamento anno 2019

Considerato che nel 2017  tutto sembrava distrutto a causa dei guerriglieri, oggi Makumbi è in rinascita, per la seconda volta! da allora l’Associazione, attraverso i fondi raccolti ed impiegati in varie attività, ha svolto un opera di risollevamento del popolo dal dolore e dalla paura. I makumbani sono rientrati nel villaggio, dopo diversi mesi trascorsi nella vasta foresta, ospitati nelle strutture esistenti e resitenti..(è proprio il caso di dire) che l ‘A.TU.BA. ha costruito, cercando di svolgere anche un’azione di rifocillamento e ristoro per orfani ed anziani. l’attività scolastica pian piano è ripresa, ripartendo con le classi di scuola primaria fino all’ universitaria, cosicché, quest’anno, sono stati ben 36 i laureati in tre facoltà diverse dell’università di Makumbi!

Nel frattempo anche il settore sanitario ha ricominciato a funzionare: infatti, lo stato congolese, riconoscendo il lavoro svolto dall’A.TU.BA. onlus e il sostegno continuo al popolo,  ha nominato un nuovo medico per l’ospedale di Makumbi, riconoscendolo anche come secondo ospedale della provincia del Kasai. Grande soddisfazione!

Le strutture sono state ridipinte e sono stati rifatti letti, porte e finestre che erano stati rovinati dai precedenti episodi di guerra. Quest’estate sono arrivati a Makumbi anche diverse attrezzature (ecografo, elettrocardiografo, letto da parto, ed altro) ed i nuovi letti e materassi per consultorio, ospedale e maternità, pochini c’è da dire, ma contiamo ancora sul vostro aiuto per incrementare e migliorare la situazione sanitaria, sempre ahinoi precaria.

Anche per la chiesa è stato  fatto un grande passo avanti: è stata rifinita negli intonaci e pavimentazioni, finestre e porte, ed è stato nominato un sacerdote dalla diocesi, Padre Crispino, che sarà presto affiancato anche da alcune suore, necessarie affinché possano gestire un orfanotrofio.

[supsystic-gallery id=3]

UNA CHIESA PER MAKUMBI

Ci stiamo ancora lavorando! Non c’è popolo  che nella storia non abbia avuto un luogo dove riunirsi per  poter pregare come comunità. Anche nella comunità di Makumbi sta nascendo la Chiesa “Notre Dame de la Misericorde” voluta fortemente dal fondatore dell’associazione, specialmente dopo i luttuosi eventi di guerra degli ultimi tre anni, che hanno devastato intere famiglie e villaggi.  Poter battezzare, cresimare e sposare, amministrare tutti i sacramenti in una struttura non è poi cosi strano da immaginare per un popolo cristiano che ha bisogno di tanti beni materiali, certo, ma altrettanto bisogno di alleggerire lo spirito nelle situazioni più difficili che la vita .. e una vita in povertà specialmente..ti pone davanti. Poter benedire una salma o battezzare i bimbi, unire in matrimonio o semplicemente celebrare la messa domenicale non deve essere per forza fatto sotto la pioggia stagionale o sotto il caldo sole africano: una chiesa è il posto giusto! Si, di giustizia parliamo. Finalmente c’è una bella chiesa con sacrestia annessa, il portone in alluminio, proveniente da Trapani(Sicilia),le due porte laterali intitolate ai benefattori, una stanza per ospitare i sacerdoti che verranno ed un interno ancora da terminare, dipingere e arredare.Tanto ancora da fare? Bene dateci una mano, Iddio vi ricompenserà certamente.Noi, da sempre, vi diciamo: Grazie!

Immagine

 

 

 

 

[supsystic-gallery id=1]

 

anno 2017.. IL DOLORE DEL KASAY…”AIUTATECI!!”

2000-2017!!

17 anni! La speranza di un futuro migliore… può durare cosi poco?

Mai e poi mai si sarebbe  immaginato una tragedia di tal misura.

Già negli ultimi due anni il sentore di una guerra che non sarebbe stata breve era nell’aria in Congo. Il presidente Kabila non accetta nessun tipo di compromesso nè, nonostante per ben due mandati non sia stato voluto dal popolo, ritiene opportuno lasciare la presidenza.

Dal mese di aprile di questo anno tutto il Kasay è stato attaccato da “finti “ribelli,  guerriglieri anti governativi, che non si fermano a distruggere tutto ciò che trovano davanti al loro passaggio, ma purtroppo stanno uccidendo senza tregua, violentando donne e suore e bruciando e rubando tutto ciò che trovano nei tantissimi villaggi poveri della grande zona, proprio come a Makumbi.

Ovviamente le emittenti italiane nazionali non nè danno informazione, ma nella rete si trovano notizie più approfondite. Si troveranno dei link alla fine dell’ articolo.

Le notizie  in Italia arrivano in ritardo e, bensì, abbiamo dei contatti con le zone colpite, riusciamo a malapena a sapere la vera situazione attuale. Il nostro fondatore Padre Clemente Kayembe Lubombo, non sapeva come dirci la verità. Raccontarci il dolore, la tragedia di centinaia di  migliaia di persone che, anche a Makumbi, villaggio dove maggiormente in questi anni l A,Tu.BA. ha diretto i propri aiuti, hanno dovuto alle tre di notte, di una buia notte, hanno dovuto abbandonare il villaggio perché dei guerriglieri erano sbarcati  sparando colpi d’arma da fuoco e agitando il macete. Il terrore è sceso in questa terra, che l’A.TU.Ba ed i propri sostenitori hanno imparato ad amare! Senza poter prendere nulla, senza nessun mezzo di sostentamento, cibo, acqua, vestiti, medicine attrezzi per caccia o pesca, o per cucinare, senza nulla, forse con i soli e poveri vestiti addosso, sono fuggiti rifugiandosi nella foresta. di notte. Al buio. Lasciando dietro di se i malati e gli anziani che non sarebbero potuti fuggire perché immobilizzati, stanno cercando di sopravvivere, affrontando il freddo, la continua pioggia della stagione delle piogge, le malattie, la fame e la sete. Provando ad immaginare la guerra, credo che non si possa capire, se non dopo aver provato sulla propria pelle.

Dopo diversi giorni siamo riusciti ad inviare due ragazzi in moto da Tshikapa, per sapere notizie del villaggio e dei nostri amici di Makumbi: tutte le capanne bruciate, anche l’unico trattore e la moto, la barca rubata,  le strutture sanitarie e scolastiche saccheggiate, colpi d’arma da fuoco hanno bucato i tetti delle strutture.Si vedono delle strane croci a terra, per i morti a cui sono riusciti a dare una degna sepoltura.Tanti bambini e tante persone deboli continuano a morire per le tante malattie, anche quelle dovute al freddo e alla pioggia, oltre che alla malnutrizione. Il dolore di Makumbi, visibile nei loro  sguardi disperati, nei loro volti smagriti e impauriti, è anche il nostro!

17 anni, di gioia, speranza e duri sacrifici:  buttati al vento. Ma dopo un primo momento di sbandamento, noi soci dell’A.TU.BA., abbiamo capito che è proprio adesso l’ora di essere presenti per queste popolazioni. La nostra speranza è quella di far rientrare i Makumbani presso le strutture, seppur malconce, per dare loro un tetto. E così, abbiamo iniziato da pochi giorni, seguiti ed orientati dal Fondatore, ad inviare soldi presso l’A.TU.BA Congo, come abbiamo sempre fatto, per fare acquistare e  fare arrivare medicine di prima assistenza, cibo ed un pò di vestiario. E’ solo l’inizio. Passo dopo  passo vedremo. Nel frattempo non esistiamo a chiedere di sostenerci economicamente! Anche aderendo all’iniziativa di venerdi 7 luglio.

Come sempre, gli aiuti arriveranno e serviranno ancor più, per sfamare i poveri.

 

 

 

 

Congo, le vere ragioni della guerra dei finti “ribelli”

Ritorvati morti i due funzionari ONU

Congo-Kinshasa: conflitto in Forze Centrali del Congo 150.000 bambini fuori scuola – UN

Congo-Kinshasa: Rapporto esclusivo – Villaggi del massacro di DRC attendono l’inchiesta ONU

La violenza Kasai solleva le domande sulle elezioni DR Congo – UE

[supsystic-gallery id=2]


Iniziativa A.TU.BA.: Visita alla Valle dei Templi e Siculiana

Iniziativa di solidarietà

LA VALLE DEI TEMPLI E SICULIANA

Gita ad Agrigento

Domenica 26 marzo 2017

valle dei templi

ORE 7,30 – RADUNO presso Piscina Comunale di via Ten. Alberti

ORE 8,00– PARTENZA per Agrigento ;

ORE 10,3011,00 ARRIVO al Parco Archeologico della valle dei templi dove visiteremo i resti dell’antica Akragas, gioiello dell’antichità siciliana e, in particolare, i Templi di Giove, Giunone, Ercole e della Concordia, il meglio conservato tra tutti i templi dell’antica Grecia..

ORE 13,00 – Trasferimento presso il locale “PAPUA”, a pochi passi dal centro cittadino, dove potremo scegliere fra le gustose pietanze siciliane proposte;

ORE 16,00 – Proseguiamo per la cittadina di Siculiana ,borgo adagiato su una collina come un presepe. Qui visiteremo il Castello Chiaramonte, di origine araba, che sorge su un promontorio; Visiteremo, inoltre, il METE, museo della memoria, e del territorio, che racchiude numerosi oggetti di interesse etno-antropologico e la Chiesa del Crocifisso;

ORE 19,00 – RADUNO partecipanti  e rientro a Trapani (presumibilmente alle ore 21,00).

QUOTA INDIVIDUALE  DI PARTECIPAZIONE ………..€ 40,00

La quota comprende:- Pullmann GT a disposizione, visite guidate, ingressi al Parco archeologico, al METE e al Castello Chiaramonte.

La quota non coprende il pranzo

Prenotazioni entro il giorno 20.03.2017  ai numeri  sotto indicati:

A.T.U.BA. – Sede locale via Frascati,7 Erice – cell.3363665012/3351016739/740/3209188490

info.tuluilebantu.org

LA DEMOCRAZIA IN CONGO È MORTA

 
 

In Congo è morta anche la democrazia

Redazione il 22 dicembre 2016 – 01:10 in Africa, Primo Piano
 


Repubblica “Democratica” del Congo: quel nome è una beffa grottesca per uno Stato fallito, svenduto a multinazionali rapaci, con una popolazione alla miseria malgrado risorse immense e con intere regioni fuori dal controllo della Capitale.

guerra-sud-congoDire che il Paese sia allo sbando è poco, ma in questi giorni la tensione è divenuta altissima perché il presidente Joseph Kabila, al termine del suo mandato, non solo non si è dimesso, ma ha nominato un nuovo Primo Ministro (ovviamente un suo uomo) e ha detto chiaramente che intende rimanere al potere fino alle prossime elezioni, che ha rinviato al 2018.

Joseph Kabila è un figlio d’arte, nel 2001, a 29 anni, è divenuto presidente della Repubblica “Democratica” del Congo in seguito all’assassinio del padre, Laurent-Desiré Kabila, anch’esso presidente fino alla morte. Una parte delle opposizioni, dinanzi alla brutale militarizzazione del potere, nell’ottobre scorso avevano raggiunto un accordo che permetteva a Kabila di rimanere in carica fino al 2018; ma molti altri gruppi si erano opposti, e la conferenza episcopale congolese aveva offerto la sua mediazione per una soluzione politica della crisi. Un tavolo negoziale che non si è mai aperto.

La piattaforma politica Rassemblement ha lanciato un appello sia al popolo congolese che alla comunità internazionale perché disconosca il capo dello Stato e il nuovo Esecutivo; ma i tentativi di protesta sono stati repressi sanguinosamente e il Congo è una preda troppo ghiotta, in svendita a prezzi di realizzo, perché si faccia realmente qualcosa per salvarlo.

Nel Paese c’è la solita missione delle Nazioni Unite, la Monusco, inutile quanto inconcludente, e le dichiarazioni del rappresentante speciale dell’Onu per il Congo, unite a quelle delle varie Ong che fanno delle tragiche emergenze un lucroso mestiere, fanno sorridere per la loro ipocrisia.

Dire che temono una recrudescenza della repressione del dissenso e del mancato rispetto dei diritti umani in occasione delle proteste popolari, è una macabra barzelletta in un Paese in cui la violenza è endemica, la legalità un’opzione teorica ed il potere è quello discrezionale esercitato da uomini armati; che portino una divisa del Governo o la giubba da miliziani poco importa.

Quella del Congo è una storia drammatica fatta di sfruttamento e di massacri, ma l’attuale simulacro di Stato, che si regge su basi debolissime, è ora messo a serio rischio dalle mancate dimissioni di Kabila. Solo la totale militarizzazione della capitale, Kinshasa, ha impedito il dilagare inarrestabile delle proteste.

Ma quelle violenze sono l’occasione perfetta per tutti coloro che vogliono banchettare impunemente con le ricchezze del Paese: sedicenti gruppi di guerriglia, famelici stati confinanti, rapaci multinazionali e imperialismi vicini o lontani. Per il Congo, un Paese a cui non è stato concesso di farsi Nazione e a cui è stato vietato il sogno di Lumumba, potrebbe essere l’anticamera della dissoluzione.

di Salvo Ardizzone